La pazzia è silenziosa

Si dice che si diventa pazze e pazzi, quando si comincia a dire quello che si pensa a voce alta. Quando le parole prendono il sopravvento sui muri che censurano le nostre voci, le nostre scelte di essere, piuttosto che non essere, voci che dicono cose. Abbiamo moltissime immagini conservate nella nostra mente, di persone considerate “pazze” perché parlano a voce alta, gridano bestemmie. Ci si può vergognare o sentire ‘strani’ se a farlo a volte siamo noi stessi, in momenti di rabbia. Spesso, si ha vergogna di esprimersi, perché se quel mare incontenibile di suoni fuoriuscisse, rischierebbe di farci affogare, pensiamo. E’ in quell’esitazione, in quel pensiero timido e stanco che il nostro bisogno ci assale. A volte, causa il troppo esitare, la nostra voce può stentare a uscire, o farlo in modo irruento, che poi è la stessa cosa. Quella voce forte è l’equivalente di un silenzio prolungato troppo a lungo. Quella voce alta e gesticolante è il rumore della nostra identità nascosta che non ha più voglia di stare nell’ombra, vuole pronunciarsi, sporgersi oltre il corpo che la racchiude. Ed è così, dicono le ombre, che si diventa donne e uomini pazzi. Quando non si riesce a contenere la voce. Ma la realtà, è diversa. Il silenzio delle voci rende gli animi discreti e sordi a loro stessi, incapaci di rendersi visibili agli occhi degli altri, e prima ancora, a se stessi. Allora, gli esseri invisibili, calpestano la monotonia dei giorni, barcollando la loro frustazione su chi osa essere folle, osa dire. Pazzo o pazza è chi quella voce se la tiene dentro, in nome di una moralità che paga il prezzo dell’auto censura, un prezzo carissimo. Che costa intere vite in sordina, senza alito. E allora, invito tutti/e a urlare quella voce, a non sentirsi sotto giudizio (proprio), a mettersi in mostra per quello che si è, senza timore. A formare parole, anche brutte, che certamente avranno un senso reversibile e troveranno bellezza oltre il loro oblio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...